Invernomuto.net

Ho realizzato questo sito per rendere disponibile alla consultazione questa mole enorme di dati altrimenti difficilmente consultabili :)

Opera d'arte Noli me tangere di Andrea del Sarto (1486/ 1530), a Firenze

L'opera d'arte Noli me tangere di Andrea del Sarto (1486/ 1530), - codice 09 00228513 di Andrea del Sarto (1486/ 1530), si trova nel comune di Firenze, capoluogo dell'omonima provincia sita in palazzo, Palazzo degli Uffizi, Complesso Vasariano, piazzale degli Uffizi, Galleria degli Uffizi, sala 35 Michelangelo e i fiorentini
immagineNoli me tangere di Andrea del Sarto (1486/ 1530),  - codice 09 00228513
bene culturaledipinto
soggettoNoli me tangere
tipo schedaOA_3.00
codice univoco09 00228513
localizzazioneItalia, Toscana, FI, Firenzepiazzale degli Uffizi
contenitorepalazzo, Palazzo degli Uffizi, Complesso Vasariano, piazzale degli Uffizi, Galleria degli Uffizi, sala 35 Michelangelo e i fiorentini
datazionesec. XVI ; 1509 (ca) - 1510 (ca) [bibliografia]
autoreAndrea del Sarto (1486/ 1530),
materia tecnicatavola/ pittura a olio
misurecm, alt. 176, largh. 155,
condizione giuridicaproprietà Stato, Ministero per i Beni e le Attività Culturali
dati analiticiNR (recupero pregresso)Soggetti sacri. Personaggi: Cristo; Maria Maddalena. Abbigliamento: contemporaneo; all'antica. Figure maschili: uomini; frati. Paesaggi: cielo; montagne; fiume; colline; giardino; boscaglie. Architetture: convento (?); ponte; muretto. Vegetali: alberi; palma. Oggetti: staccionata.
notizie storico-criticheIl dipinto e' ricordato dall'Anonimo Magliabecchiano e dal Vasari come eseguito per la chiesa del convento agostiniano fuori Porta San Gallo. Dopo la demolizione della chiesa nel 1531, la tavola, insieme ad altri importanti opere, fu trasferita nella chiesa di S. Jacopo tra i Fossi, e collocata nella cappella Morelli. E' probabile che Leonardo Morelli fosse il committente della tavola dal momento che un breve apostolico del 9 aprile 1532 confermava ai padri agostiniani trasferiti in Sant'Jacopo tra i Fossi "tutte le Cappelarie, ch'erano nella Chiesa di San Gallo". La pala rimase nella cappella fino al 1849, per poi passare nelle case dei Morelli fino al 1875, quando entro' agli Uffizi. La critica e' concorde nel considerare il dipinto un'opera giovanile, databile al 1510, come dimostra il legame evidente con la tradizione fiorentina rappresentata dall'Albertinelli e Fra Bartolomeo. Come dice il Vasari il dipinto valse probabilmente al pittore la commissione di altre due tavole per il convento agostiniano fuori porta San Gallo, oggi alla Palatina, l'Annunciazione (NAC 5127) e la Trinita' (NAC 5149).
altra localizzazioneluogo di provenienza: ITALIA, Toscana, FI, Firenze, FIRENZE
bibliografiaVasari G.( 1878-1885)v. V, pp. 9-10; Richa G.( 1754-1762)v. I, p. 271; Freedberg S. J.( 1963)v. I, pp. 11-13; v. II, pp. 20-21; Shearman J.( 1965)pp. 16, 24, 203; Padovani S./ Meloni Trkulja S.( 1982)p. 49; Padovani S.( 1986)pp. 91-93, n. III
definizionedipinto
regioneToscana
provinciaFirenze
comuneFirenze
indirizzopiazzale degli Uffizi
ente schedatoreS156
ente competenteS156
autori della catalogazioneCompilatore scheda: Romagnoli G.; Funzionario responsabile: Damiani G.; Aggiornamento-revisione: ARTPAST/ Bellini F. (2006), Referente scientifico: NR (recupero pregresso); Tori L. (2015), Referente scientifico: Sframeli M.;
anno creazione1989
anno modifica2006; 2015
latitudine43.768826
longitudine11.255744

oppure puoi cercare...

  • opere d'arte nel comune di Firenze
  • opere d'arte nella provincia di Firenze
  • opere d'arte nella regione Toscana