Invernomuto.net

Ho realizzato questo sito per rendere disponibile alla consultazione questa mole enorme di dati altrimenti difficilmente consultabili :)

Opera d'arte busto di Settimio Severo a Firenze

L'opera d'arte busto di Settimio Severo - codice 09 00642653 si trova nel comune di Firenze, capoluogo dell'omonima provincia sita in palazzo, statale, Palazzo Pitti, Palazzo Pitti e Giardino di Boboli, P.zza Pitti, 1, Museo degli Argenti, Sala delle gemme.
immaginebusto di Settimio Severo  - codice 09 00642653
bene culturaledecorazione a intaglio
soggettobusto di Settimio Severo
tipo schedaOA_2.00
codice univoco09 00642653
localizzazioneItalia, FI, FirenzeP.zza Pitti, 1
contenitorepalazzo, statale, Palazzo Pitti, Palazzo Pitti e Giardino di Boboli, P.zza Pitti, 1, Museo degli Argenti, Sala delle gemme.
datazionesec. XVI ; 1500 - 1599 [analisi stilistica]
ambito culturalebottega italiana(analisi stilistica)
materia tecnicaagata/ incisioneoro
misuremm, alt. 30, largh. 41,
condizione giuridicaproprietà Stato
dati analiticiRitratti: Settimio Severo. Divinità: marte. Armi: lancia; scudo; elmo.
notizie storico-criticheL'intaglio, recante sul verso la raffigurazione del dio della guerra Marte, è stato rintracciato negli inventari della raccolta granducale fino ai primi decenni del Settecento. Il ritratto di Settimio Severo inciso sul recto dell'agata è da mettere in relazione con una placchetta quattrocentesca, nota in più esemplari, derivante secondo il Bange ("Die italienischen Bronzen des Renaissance und des Barocks: II. Reliefs und Plaketten, Berlin 1922, p. 24, n. 176) e il Pope-Hennessy ("Renaissance Bronzes from the Samuel H. Kress Collection", London 1965, p. 78, n. 272) da una pietra antica, identificata da Pietro Cannata con un cammeo della fine del II o inizio del III secolo d.C. conservato a San Pietroburgo presso il Museo dell'Ermitage ("Rilievi e placchette dal XV al XVIII secolo", catalogo della mostra, Roma 1982, p. 40, n. 7). Dall'antico è tratta inoltre la figura di Marte sull'altra faccia dell'intaglio, che riprende fedelmente il rovescio di due medaglioni romani recanti sul diritto l'effigie di Settimio Severo (F. GNECCHI, "I medaglioni romani", 3 voll., Milano 1912, II, p. 74, nn. 11-12, tav. 94, n. 5), ai quali si ispirò anche Giovanni da Cavino per alcune copie eseguite a Padova nel XVI secolo (Ibidem, p. 23).
altra localizzazioneluogo di provenienza: Italia, FI, Firenze
bibliografiaMuseo argenti( 1967)p. 186, n. 1140; Gennaioli R.( 2007)p. 432, n. 684
definizionedecorazione a intaglio
regioneToscana
provinciaFirenze
comuneFirenze
indirizzoP.zza Pitti, 1
ente schedatoreS156
ente competenteS156
autori della catalogazioneCompilatore scheda: Gennaioli R.; Funzionario responsabile: Sframeli M.
anno creazione2007
latitudine43.765656
longitudine11.249350

oppure puoi cercare...

  • opere d'arte nel comune di Firenze
  • opere d'arte nella provincia di Firenze
  • opere d'arte nella regione Toscana