Invernomuto.net

Ho realizzato questo sito per rendere disponibile alla consultazione questa mole enorme di dati altrimenti difficilmente consultabili :)

Opera d'arte San Domenico riceve da San Pietro il bastone e da San Paolo il vangelo di Ulivelli Cosimo (1625/ 1705), a Firenze

L'opera d'arte San Domenico riceve da San Pietro il bastone e da San Paolo il vangelo di Ulivelli Cosimo (1625/ 1705), - codice 09 00228574 di Ulivelli Cosimo (1625/ 1705), si trova nel comune di Firenze, capoluogo dell'omonima provincia
immagineSan Domenico riceve da San Pietro il bastone e da San Paolo il vangelo di Ulivelli Cosimo (1625/ 1705),  - codice 09 00228574
bene culturaledipinto
soggettoSan Domenico riceve da San Pietro il bastone e da San Paolo il vangelo
tipo schedaOA_3.00
codice univoco09 00228574
localizzazioneItalia, Toscana, FI, Firenze
datazionesecc. XVII/ XVIII ; 1698 - 1700 [documentazione]
autoreUlivelli Cosimo (1625/ 1705),
materia tecnicaintonaco/ pittura a tempera
misurecm, alt. 415, largh. 250,
condizione giuridicaproprietà Stato
dati analiticiNR (recupero pregresso)Soggetti sacri. Personaggi: San Domenico; San Pietro; San Paolo. Abbigliamento religioso. Abbigliamento: all'antica. Interno: basilica di San Pietro. Attributi: (San Pietro) chiavi. Oggetti: bastone; vangelo. Sculture: Madonna con Bambino. Figure maschili.
notizie storico-criticheFedele divulgatore e interprete non eccelso del linguaggio pittorico del Franceschini, cui si accostò dopo un iniziale apprendistato presso Matteo Rosselli, Cosimo Ulivelli è autore documentato e universalmente riconosciuto dei diciotto affreschi situati lungo le pareti est e nord del chiostro, con relativi ritratti nei peducci. Incaricato inizialmente dell'intera decorazione (il 1698 data di inizio dei lavori si legge nella I lunetta della parete est), il pittore venne in seguito sostituito dal più giovane e moderno Alessandro Gherardini (la data 1700 compare invece sull'ultima lunetta della parete nord). Contraddistinte da una salda impostazione prospettico-disegnativa (mancano tuttavia disegni autografi relativi al ciclo in esame), le immagini peccano nel complesso di ripetitività di ambientazione e stanchezza esecutiva, da addebitare in parte all'età avanzata del pittore.
committenzaOrdine domenicano (1698 ante)
bibliografiaBaldinucci F.( 1975)p. 264; Richa G.( 1754-1762)v. VII, p. 131; Follini V./ Rastrelli M.( 1789-1802)v. III, p. 232; Fantozzi F.( 1842)p. 437; Rondoni F.( 1876)p. 12; Kirchen Florenz( 1940-1954)v. III, p. 39; Bibliotheca Sanctorum( 1961-1969)v. IV, p. 729;
definizionedipinto
regioneToscana
provinciaFirenze
comuneFirenze
ente schedatoreS156
ente competenteS156
autori della catalogazioneCompilatore scheda: Carnelli E.; Funzionario responsabile: Damiani G.; Trascrizione per informatizzazione: ARTPAST/ Querci R. (2006); Aggiornamento-revisione: ARTPAST/ Querci R. (2006), Referente scientifico: NR (recupero pregresso);
anno creazione1992
anno modifica2006

oppure puoi cercare...

  • opere d'arte nel comune di Firenze
  • opere d'arte nella provincia di Firenze
  • opere d'arte nella regione Toscana