Invernomuto.net

Ho realizzato questo sito per rendere disponibile alla consultazione questa mole enorme di dati altrimenti difficilmente consultabili :)

Opera d'arte ritratto di Amerigo Vespucci di Dell'Altissimo Cristofano (notizie 1552/ 1605), a Firenze

L'opera d'arte ritratto di Amerigo Vespucci di Dell'Altissimo Cristofano (notizie 1552/ 1605), - codice 09 00290636 di Dell'Altissimo Cristofano (notizie 1552/ 1605), si trova nel comune di Firenze, capoluogo dell'omonima provincia sita in palazzo, Palazzo degli Uffizi, Complesso vasariano, piazzale degli Uffizi, Galleria degli Uffizi, corridoio di levante, ventiduesima campata
immagineritratto di Amerigo Vespucci di Dell'Altissimo Cristofano (notizie 1552/ 1605),  - codice 09 00290636
bene culturaledipinto
soggettoritratto di Amerigo Vespucci
tipo schedaOA_3.00
codice univoco09 00290636
localizzazioneItalia, Toscana, FI, Firenzepiazzale degli Uffizi
contenitorepalazzo, Palazzo degli Uffizi, Complesso vasariano, piazzale degli Uffizi, Galleria degli Uffizi, corridoio di levante, ventiduesima campata
datazionesec. XVI ; 1552 (ca) - 1568 (ante) [bibliografia]
autoreDell'Altissimo Cristofano (notizie 1552/ 1605),
materia tecnicatavola/ pittura a olio
misurecm, alt. 60, largh. 45,
condizione giuridicaproprietà Stato, Ministero per i Beni e le Attività Culturali
dati analiticiNR (recupero pregresso)Ritratti. Personaggi: Amerigo Vespucci. Abbigliamento: all'antica.
notizie storico-criticheIniziata da Cosimo I nel 1552 con l'invio del pittore Cristofano dell'Altissimo a Como, nella villa di Paolo Giovio (1483-1552), a copiare la serie di uomini illustri già ivi raccolti, la collezione è una sorta di enciclopedia universale il cui valore storico documentario prevale su quello artistico. Essa continua in un legame ideale, la coeva collezione di busti marmorei degli Imperatori romani sempre nel medesimo corridoio degli Uffizi. Busti e ritratti erano infatti una costante dell'arredamento, in origine posti nella sala della Guardaroba di Palazzo Vecchio (o delle carte geografiche) avente anche funzione di rappresentanza, dove nel 1568 Vasari ricorda 280 dipinti (Allegri/Cecchi). Dall'agosto 1553, all'ottobre 1556 sono documentati numerosi invii di Cristofano a Firenze, e dagli inventari della Guardaroba medicea fra il 1567 e il 1569, si viene a conoscenza di 'Camerino legnaiolo' che eseguì le cornici (Beck). Non sono ancora del tutto note le fonti da cui furono tratte 'le effigi' dei personaggi, la cui innovazione, rispetto ai cicli medievali degli uomini illustri affrescati a Padova, Foligno e Siena, incluse la serie dello studiolo di Federico da Montefeltro consiste nella dimensione a busto della figura e nella mobilità del dipinto su tavola, che favorivano la continuazione illimitata della raccolta. L'interesse di Cosimo per i dipinti gioviani iniziato già nel 1549 (Frey), continuò sia con Francesco I, il quale dette a Cristofano un compenso settimanale fino al 1587, che con Ferdinando (Trkulja). Trasferita nell'attuale collocazione dal 1587 al 1591, i dipinti furono risistemati nel 1597 da Filippo Pigafetta, seguendo i criteri della dignità sociale e delle professioni. Cristofano dell'Altissimo, allievo del Bronzino, dalla pittura lucida e compatta, privo di tenerezze e sfumature (Trkulja), rientrò a Firenze da Como nel 1562, continuando stabilmente ad occuparsi dei ritratti, di cui sicuri di sua mano, sono quelli elencati da Vasari nel 1568 (Allegri/Cecchi). Sotto Ferdinando fu aggiunta la serie delle Bellezze d'Artimino, (le dame di Cristina di Lorena), e una campionatura degli infanti d'Austria e Baviera. I ritratti dei pittori e dei luogotenenti inviati alla fine del Cinquecento confluirono agli Uffizi solo nel 1873, i primi provenienti dall'Accademia del Disegno, mentre con continuità arrivarono le effigi dei regnanti europei e degli ambasciatori. Famosa fin dall'inizio, la collezione fu più volte copiata per essere inviata a villa Medici a Roma, e nelle residenze d'oltralpe. Il cardinale Leopoldo si interessò alla serie aulica della famiglia, e Cosimo III ne volle un'inventariazione sistematica, non più seguita negli anni dell'Unità d'Italia: nonostante i 1265 pezzi esposti nel corridoio vasariano nel 1882, l'inventario del 1890 riporta moltissime lacune sul piano iconografico. Nel 1970 la gioviana viene ricollocata nel corridoio (Prinz). Il dipinto ricordato da Vasari in Palazzo Vecchio, ritrae il noto viaggiatore (1454-1512), che compì quattro viaggi in America. Un ritratto del medesimo, ricordato a Pitti da Alessandro Pezzano, ambasciatore veneziano che fu in visita a Firenze nel 1577, posto nella quinta camera di rappresentanza (Mosco), è da credersi una copia ulteriore del presente dipinto, giacchè la collezione gioviana fu interamente trasportata agli Uffizi nel 1587.
altra localizzazioneluogo di provenienza: Toscana, FI, Firenze
committenzaMedici Cosimo I, granduca di Toscana (1552)
bibliografiaGaye G.( 1840)v. II pp. 389-392, 401-402, 412-414; Gualandi M.( 1844-1856)v. I pp. 46, 371-374; Gotti A.( 1872)pp. 36-38; Vasari G.( 1878-1885)v. VII pp. 608-609; Literarische nachlass( 1923-1940)v. I p. 493; Venturi A.( 1901-1940)v. IX/VI pp. 402-411; Fr
definizionedipinto
regioneToscana
provinciaFirenze
comuneFirenze
indirizzopiazzale degli Uffizi
ente schedatoreS156
ente competenteS156
autori della catalogazioneCompilatore scheda: Frulli C.; Funzionario responsabile: Damiani G.; Aggiornamento-revisione: Romagnoli G./ Rousseau B. (2002), Referente scientifico: NR (recupero pregresso); ARTPAST (2006), Referente scientifico: NR (recupero pregresso); Moschi F. (2015
anno creazione1989
anno modifica2002; 2006; 2015
latitudine43.768826
longitudine11.255744

oppure puoi cercare...

  • opere d'arte nel comune di Firenze
  • opere d'arte nella provincia di Firenze
  • opere d'arte nella regione Toscana