Invernomuto.net

Ho realizzato questo sito per rendere disponibile alla consultazione questa mole enorme di dati altrimenti difficilmente consultabili :)

Opera d'arte Orfeo incanta gli animali con la musica a Firenze

L'opera d'arte Orfeo incanta gli animali con la musica - codice 09 00643220 si trova nel comune di Firenze, capoluogo dell'omonima provincia sita in palazzo, statale, Palazzo Pitti, Palazzo Pitti e Giardino di Boboli, P.zza Pitti, 1, Museo degli Argenti, Depositi, cassetta n. 8.
immagineOrfeo incanta gli animali con la musica  - codice 09 00643220
bene culturalecammeo
soggettoOrfeo incanta gli animali con la musica
tipo schedaOA_2.00
codice univoco09 00643220
localizzazioneItalia, FI, FirenzeP.zza Pitti, 1
contenitorepalazzo, statale, Palazzo Pitti, Palazzo Pitti e Giardino di Boboli, P.zza Pitti, 1, Museo degli Argenti, Depositi, cassetta n. 8.
datazionesecc. XVI/ XVII fine/ inizio; 1599 (ca) - 1610 (ca) [analisi stilistica]; sec. XVII prima metà; 1600 (ca) - 1649 (ca) [analisi stilistica]
ambito culturalebottega italiana(analisi stilistica)
materia tecnicaagata/ incisioneargento/ doratura/ pittura a smalto traslucido
misuremm, alt. 20, largh. 23.9,
condizione giuridicaproprietà Stato
dati analiticiMontatura in argento dorato con castone a notte e cornice a cartiglio con volute smaltate di rosso e verde. In alto è saldato un anello per la sospensione.Personaggi: Orfeo. Animali: cervo. Strumenti musicali: cetra.
notizie storico-criticheL'opera è ricordata per la prima volta insieme ad altri undici pezzi (inv. Gemme del 1921, nn. 1247-1258) dotati di simili montature tra le gemme "sciolte" descritte da Giuseppe Bencivenni Pelli nell'inventario del 1786. La serie, pervenuta molto probabilmente alla Galleria degli Uffizi nel 1770, quando si verificò il trasferimento da Palazzo Pitti di un cospicuo numero di cammei incastonati in gioielli, figura anche nel più tardo "Catalogo generale della dattilioteca" di Michele Arcangiolo Migliarini (SSPSAEPM FI/ Biblioteca degli Uffizi, ms. 194, nn. 848-859), che classificò le pietre come "Agata di Sicilia". La presenza dell'anello apicale lascia supporre che il monile fosse destinato ad essere indossato come un vero e proprio pendente da portare agganciato ad una catena o da cucire sulle vesti. Non è comunque da escludere anche un diverso uso dell'esemplare in questione, magari come bottone, considerate le sue ridotte dimensioni e l'esistenza sul verso del castone "a notte" di tracce di un elemento tagliato, identificabile forse con un occhiello. Il cammeo è per le sue caratteristiche stilistiche databile tra la fine del Cinquecento e l'inizio del secolo successivo.
altra localizzazioneluogo di provenienza: Italia, FI, Firenze
definizionecammeo
regioneToscana
provinciaFirenze
comuneFirenze
indirizzoP.zza Pitti, 1
ente schedatoreS156
ente competenteS156
autori della catalogazioneCompilatore scheda: Gennaioli R.; Funzionario responsabile: Sframeli M.
anno creazione2007
latitudine43.765656
longitudine11.249350

oppure puoi cercare...

  • opere d'arte nel comune di Firenze
  • opere d'arte nella provincia di Firenze
  • opere d'arte nella regione Toscana