Invernomuto.net

Ho realizzato questo sito per rendere disponibile alla consultazione questa mole enorme di dati altrimenti difficilmente consultabili :)

Opera d'arte motivi decorativi a grottesche con paesaggi e figura allegorica di Allori Alessandro (1535/ 1607), a Firenze

L'opera d'arte motivi decorativi a grottesche con paesaggi e figura allegorica di Allori Alessandro (1535/ 1607), - codice 09 00281428 - 0 di Allori Alessandro (1535/ 1607), si trova nel comune di Firenze, capoluogo dell'omonima provincia sita in palazzo, Palazzo degli Uffizi, Complesso vasariano, piazzale degli Uffizi, Galleria degli Uffizi, corridoio di levante, trentunesima campata, soffitto
immaginemotivi decorativi a grottesche con paesaggi e figura allegorica di Allori Alessandro (1535/ 1607),  - codice 09 00281428 - 0
bene culturalesoffitto dipinto
soggettomotivi decorativi a grottesche con paesaggi e figura allegorica
tipo schedaOA_3.00
codice univoco09 00281428 - 0
localizzazioneItalia, Toscana, FI, Firenzepiazzale degli Uffizi
contenitorepalazzo, Palazzo degli Uffizi, Complesso vasariano, piazzale degli Uffizi, Galleria degli Uffizi, corridoio di levante, trentunesima campata, soffitto
datazionesec. XVI ; 1581 - 1581 [documentazione]
autoreAllori Alessandro (1535/ 1607),
materia tecnicaintonaco/ pittura a fresco/ pittura a tempera
misurelargh. 585, lungh. 344,
condizione giuridicaproprietà Stato, Ministero per i Beni e le Attività Culturali
dati analiticisoffitto dipinto con motivi a grottesche e scene con paesaggi e figure mitologicheNR (recupero pregresso)
notizie storico-criticheLa decorazione della Galleria degli Uffizi, tutta sul tema delle grottesche, fu portata a termine in un lungo arco di tempo. Voluta da Francesco I de' Medici per ospitare la ricca e varia collezione granducale, la Galleria venne decorata a partire dal 1581, come risulta dalla data dipinta in una delle campate strette. Tale data è confermata nei 'Ricordi' di Alessandro Allori, dove sono anche citati i nomi dei frescanti che parteciparono all'opera: l'Allori stesso, Ludovico Buti, Giovan Maria Butteri, Giovanni Bizzelli, Alessandro Pieroni, Giovanni Balducci detto il Cosci, Ludovico Cigoli appena ventiduenne, Gabriello Caccini garzone del Butteri, Cecchino Mati e Pierino del Meglio Scolari dell'Allori. Alcuni di questi pittori avevano già lavorato per il granduca una decina di anni prima nello Studiolo di Palazzo Vecchio. Nella lista non compare invece il nome di Bernardino Poccetti al quale, dopo l'accenno del Baldinucci, veniva tradizionalmente riferita la decorazione del primo corridoio e delle salette dell'Armeria. Difficile, comunque è individuare le singole mani nell'intreccio di decorazioni giocosamente scandito da imprese medicee e da riferimenti araldici. Succeduto nel 1576 allo Stradano come principale cartonista dell'arazzeria medicea, Alessandro Allori fornì i disegni per le diverse serie di arazzi granducali. I soggetti sono vari e prevedono scene di caccia, temi mitologici ed allegorici su un complesso sfondo a grottesche. È possibile tracciare un parallelo stilistico e iconografico tra questi cartoni e la decorazione ad affresco dei soffitti della Galleria degli Uffizi di poco successiva. La campata trentunesima caratterizzata da una decorazione a finto pergolato, intramezzata da paesaggi di gusto nordicheggiante e da quattro coppie di putti reggicartiglio, si distingue dagli altri scomparti sia per una impostazione più articolata che per diversi connotati stilistici. Il Pizzorusso vi riconosce una derivazione dal soffitto affrescato dal Bronzino nella cappella di Eleonora di Toledo a Palazzo Vecchio e propone come autore di questo e dello scomparto successivo, Giovan Maria Butteri, stretto collaboratore dell'Allori, ricordato tra i pittori del corridoio. Lo studioso inoltre individua un dissegno preparatorio per la campata, conservato a Christ Church Oxford, che attribuisce allo stesso Butteri.
committenzaFrancesco I granduca di Toscana (1581)
bibliografiaPelli Bencivenni G.( 1779)v. I, pp. 96-99; Baldinucci F.( 1845-1847)v. III, pp. 135, 147; Supino I. B.( 1908)pp. 16, 27, 30; Uffizi catalogo( 1980)p. 1126 n. S31, pp. 1117-1118; Paesaggio pittura( 1980)pp. 52-55, nn. 13, 14; Uffizi quattro( 1983)p. 478; M
definizionesoffitto dipinto
regioneToscana
provinciaFirenze
comuneFirenze
indirizzopiazzale degli Uffizi
ente schedatoreL. 41/1986
ente competenteS417
autori della catalogazioneCompilatore scheda: Rousseau B.; Funzionario responsabile: Damiani G.; Aggiornamento-revisione: Romagnoli G./ Rousseau B. (2002), Referente scientifico: NR (recupero pregresso); ARTPAST (2006), Referente scientifico: NR (recupero pregresso);
anno creazione1989
anno modifica2002; 2006
latitudine43.768826
longitudine11.255744

oppure puoi cercare...

  • opere d'arte nel comune di Firenze
  • opere d'arte nella provincia di Firenze
  • opere d'arte nella regione Toscana