Invernomuto.net

Ho realizzato questo sito per rendere disponibile alla consultazione questa mole enorme di dati altrimenti difficilmente consultabili :)

Opera d'arte San Giovanni Evangelista muta dei sassi e dei legni in oro e gioielli di Gaddi Agnolo (notizie dal 1369/ 1396), a Firenze

L'opera d'arte San Giovanni Evangelista muta dei sassi e dei legni in oro e gioielli di Gaddi Agnolo (notizie dal 1369/ 1396), - codice 09 00281080 - 4 di Gaddi Agnolo (notizie dal 1369/ 1396), si trova nel comune di Firenze, capoluogo dell'omonima provincia sita in chiesa, basilica francescana conventuale, Chiesa di S. Croce, chiesa e convento di S. Croce, piazza S. Croce, transetto sud, lato ovest, cappella (di Sant'Antonio abate, Castellani)
immagine - immagine non disponibile -
bene culturaledipinto, parete sinistra, prima campata, primo pannello dal
soggettoSan Giovanni Evangelista muta dei sassi e dei legni in oro e gioielli
tipo schedaOA_3.00
codice univoco09 00281080 - 4
localizzazioneItalia, Toscana, FI, Firenzepiazza S. Croce
contenitorechiesa, basilica francescana conventuale, Chiesa di S. Croce, chiesa e convento di S. Croce, piazza S. Croce, transetto sud, lato ovest, cappella (di Sant'Antonio abate, Castellani)
datazionesec. XIV ; 1385 - 1392 [documentazione]
autoreGaddi Agnolo (notizie dal 1369/ 1396),
materia tecnicaintonaco/ pittura a fresco
condizione giuridicaproprietĂ  Stato, Ministero dell'Interno, Fondo Edifici di Culto (F.E.C.)
dati analiticiNR (recupero pregresso)Personaggi: San Giovanni evangelista. Figure: mercanti; servi; astanti. Abbigliamento: contemporaneo. Oggetti: pietre preziose; fascine; pietre; ceste. Architetture: castello; palazzo porticato; loggiato. Paesaggi: monti. Fiumi. Piante: alberi; cespugli.
notizie storico-criticheIl 9 luglio 1383, Michele di Vanni di ser Lotti de' Castellani, legava per testamento (Archivio di Stato di Firenze, Diplomatico, Monastero degli Angioli) mille fiorini d'oro per l'edificazione di una cappella in S. Croce destinata ad accogliere la propria sepoltura e quella del figlio Ranieri. Il Salvini, supponendo che sia trascorso un anno e mezzo per l'erezione della cappella, presume che la decorazione pittorica sia stata iniziata nel 1385. Mentre le fonti prevasariane assegnano ad Agnolo Gaddi oltre agli affreschi del coro "un'altra cappella", che non puo' essere che questa, il Vasari nomina come autore di "molte storie di Sant'Antonio abate in fresco" nella cappella Castellani, Gherardo Starnina. Ma e' attestato dalle carte relative agli affreschi della cappella del Sacro Cingolo, nel Duomo di Prato, che l'affrescatura della cappella era stata allogata ad Agnolo Gaddi e che la cappella Castellani era stato l'ultimo lavoro eseguito da Agnolo prima di quello di Prato. E' probabile che il lavoro prendesse avvio nella campata dell'altare, dove le scene relative al Battesimo di Cristo (in gran parte rovinate), presentano aspetti simili a quelli delle storie autografe del coro. Le fonti antiche, come gia' accennato, discordano sull'autografia degli affreschi (vd. Vasari, ad esempio, che oltre ad attribuirli a Gherardo Starnina,li dice eseguiti anteriormente al tumulto dei Ciompi del 1378, perche' intorno a quegli anni Gherardo Starnina si reco' in Spagna, al seguito di alcuni mercanti spagnoli che avevano molto ammirato i suoi affreschi della Castellani). Gia' nel 1600 la decorazione delle pareti era scomparsa sotto calce (vd. Bocchi-Cinelli, 1677) e non rimaneva che la decorazione della volta. Nel 1870 si cominciarono a fare saggi sulle pareti della cappella e vennero alla luce gli affreschi. Nel 1921/1922, gli affreschi vennero rimessi in luce e restaurati dal prof. A. Benini (in occasione del centenario dantesco), pur non potendo recuperare, se non parzialmente, quelli della zona inferiore. E' da supporre che la dipintura della vasta cappella non sia avvenuta tutta di seguito, ma abbia subito ad un certo momento una interruzione. Ritroviamo, infatti, la mano di Agnolo nelle tre composizioni della parete sinistra della prima campata.
committenzaCastellani Michele (1383)
bibliografiaBibliotheca Sanctorum( 1961-1969)v. VI pp. 790-797
definizionedipinto
regioneToscana
provinciaFirenze
comuneFirenze
indirizzopiazza S. Croce
ente schedatoreL. 41/1986
ente competenteS128
autori della catalogazioneCompilatore scheda: Orfanello T.; Funzionario responsabile: Damiani G.; Aggiornamento-revisione: Orfanello T. (1999), Referente scientifico: NR (recupero pregresso); ARTPAST/ Rensi A. (2006), Referente scientifico: NR (recupero pregresso);
anno creazione1988
anno modifica1999; 2006
latitudine43.768963
longitudine11.260609

oppure puoi cercare...

  • opere d'arte nel comune di Firenze
  • opere d'arte nella provincia di Firenze
  • opere d'arte nella regione Toscana