Invernomuto.net

Ho realizzato questo sito per rendere disponibile alla consultazione questa mole enorme di dati altrimenti difficilmente consultabili :)

Opera d'arte ritratto di papa Clemente VII; Vittoria di Weber Giovanni Zanobio (1737 ca./ 1806 ca.), a Firenze

L'opera d'arte ritratto di papa Clemente VII; Vittoria di Weber Giovanni Zanobio (1737 ca./ 1806 ca.), - codice 09 00645597 di Weber Giovanni Zanobio (1737 ca./ 1806 ca.), si trova nel comune di Firenze, capoluogo dell'omonima provincia sita in palazzo, statale, Palazzo Martelli, Via Zannetti, 8, Museo di Casa Martelli
immagineritratto di papa Clemente VII; Vittoria di Weber Giovanni Zanobio (1737 ca./ 1806 ca.),  - codice 09 00645597
bene culturalemedaglia
soggettoritratto di papa Clemente VII; Vittoria
tipo schedaOA_2.00
codice univoco09 00645597
localizzazioneFI, FirenzeVia Zannetti, 8
contenitorepalazzo, statale, Palazzo Martelli, Via Zannetti, 8, Museo di Casa Martelli
datazionesec. XVIII ; 1785 - 1785 [bibliografia]
autoreWeber Giovanni Zanobio (1737 ca./ 1806 ca.),
materia tecnicabronzo/ fusione
misuremm., diam. 48,
condizione giuridicaproprietà Stato, Ministero per i Beni e le Attività Culturali
dati analiticiD. Ritratto di papa Clemente VII, R. personificazione della VittoriaSoggetti profani. Ritratti: busto di profilo di papa Clemente VII. Abbigli amento religioso. Allegorie-simboli: leone accovacciato. Personificazioni: Vittoria.STEMMI, EMBLEMI, MARCHI: Classe di appartenenza: impresa, Identificazione: Clemente VII, Posizione: rovescio, Descrizione : personificazione della Vittoria seduta su un leone accovacciato,
notizie storico-criticheQuesta medaglia ritrae papa Clemente VII, Giulio de' Medici (ca. 1478-1534 ), figlio naturale di Giuliano di Piero de' Medici e Fioretta di Antonio d el Cittadino, nato prima della morte del padre nel 1478 e legittimato nel 1513. Grazie alla segnalazione di suo padrino di battesimo Antonio da Sang allo, Giulio fu accolto e educato da Lorenzo il Magnifico. Quando i Medici furono cacciati da Firenze nel 1494, Giulio seguì Giuliano di Lorenzo e C ardinal Giovanni (papa Leone X dal 1513) in esilio. Fu nominato arcivescov o di Firenze e cardinale da Leone X nel 1513 e fu incaricato del ruolo leg ato all'esercito di difesa contro gli invasori francesi nel 1521. Giulio f u eletto papa col nome di Clemente VII nel 1523. Nel 1527 Roma fu sacchegg iato dagli invasori, Clemente fu prima imprigionato in Castel Sant'Angelo e in seguito mandato in esilio ad Orvieto. Durante il suo papato, nel 1530 . i Medici rientrarono a Firenze incaricati con il governo della città dal l'Imperatore. Clemente VII era un amante della musica e commissionò opere d'arte a Sebastiano del Piombo, Giorgio Vasari e Raffaello Sanzio (La Tras figurazione). Finanziò la costruzione della Biblioteca Laurenziana su pro getto di Michelangelo nel chiostro di San Lorenzo a Firenze. La medaglia porta la firma di Giovanni Zanobio Weber: fa infatti parte di una serie di ventun medaglie con ritratti di membri di Casa Medici eseguite da Weber n el 1785, data che compare sulla prima medaglia della serie raffigurante Ch iarissimo de' Medici (cfr. l'esemplare conservato nella raccolta di Casa M artelli, Inv. n. 326, scheda OA 0900645604). La serie ben rappresenta la p roduzione di medaglie di Weber, prolifica ma di livello qualitativo e stil istico discontinuo. Giovanni Zanobio Weber, nipote e allievo del celebre m edaglista Lorenzo Maria, è ricordato nell'autobiografia dello zio, che fu stilata nel 1753. Grazie all'intercessione dello zio, Giovanni Zanobio fu nominato capo incisore della Zecca fiorentina e egli mantenne la carica an che dopo il 1766, quando Luigi Siries subentrò a Lorenzo Maria come dirett ore della Zecca. Alcuni talleri austriaci coniati tra il 1761 e 1765, che portano la sua sigla I.Z.V., hanno indotto gli storiografi del passato ad ipotizzare un soggiorno di Giovanni Zanobio presso la Zecca di Vienna, ma recenti studi suggeriscono che essi siano stati battuti a Firenze, dietro permesso del granduca Pietro Leopoldo. Più plausibile pare l'ipotesi di un a visita a Parma intorno al 1786, nel corso della quale Giovanni Zanobio e seguì alcune medaglie celebranti illustri personaggi della stessa città em iliana.
altra localizzazioneluogo di provenienza: FI, Firenze
bibliografiaVannel F./ Toderi G.( 1987)p. 258; Vannel F./ Toderi G.( 2006)p. 87, sub n. 540
definizionemedaglia
regioneToscana
provinciaFirenze
comuneFirenze
indirizzoVia Zannetti, 8
provvedimenti tutelaDM (L. n. 1089/1939, art. 3), 1989/07/10, 1989/07/21
ente schedatoreS156
ente competenteS156
autori della catalogazioneCompilatore scheda: Goldenberg Stoppato L.; Funzionario responsabile: Bietti M.; Trascrizione per informatizzazione: Goldenberg Stoppato L. (2005); Aggiornamento-revisione: Goldenberg Stoppato L. (2005);
anno creazione2005
anno modifica2005
latitudine43.774177
longitudine11.253221

oppure puoi cercare...

  • opere d'arte nel comune di Firenze
  • opere d'arte nella provincia di Firenze
  • opere d'arte nella regione Toscana