Invernomuto.net

Ho realizzato questo sito per rendere disponibile alla consultazione questa mole enorme di dati altrimenti difficilmente consultabili :)

Opera d'arte ritratto di Coluccio Salutati di Dell'Altissimo Cristofano (notizie 1552/ 1605), a Firenze

L'opera d'arte ritratto di Coluccio Salutati di Dell'Altissimo Cristofano (notizie 1552/ 1605), - codice 09 00292410 di Dell'Altissimo Cristofano (notizie 1552/ 1605), si trova nel comune di Firenze, capoluogo dell'omonima provincia sita in palazzo, Palazzo degli Uffizi, Complesso vasariano, piazzale degli Uffizi, Galleria degli Uffizi, corridoio di levante, diciassettesima campata
immagine - immagine non disponibile -
bene culturaledipinto
soggettoritratto di Coluccio Salutati
tipo schedaOA_3.00
codice univoco09 00292410
localizzazioneItalia, Toscana, FI, Firenzepiazzale degli Uffizi
contenitorepalazzo, Palazzo degli Uffizi, Complesso vasariano, piazzale degli Uffizi, Galleria degli Uffizi, corridoio di levante, diciassettesima campata
datazionesec. XVI ; 1588 (ante) - 1599 [documentazione]
autoreDell'Altissimo Cristofano (notizie 1552/ 1605),
materia tecnicatavola/ pittura a olio
misurealt. 60, largh. 42,
condizione giuridicaproprietà Stato, Ministero per i Beni e le Attività Culturali
dati analiticiNR (recupero pregresso)Ritratti. Personaggi: Coluccio Salutati. Abbigliamento: all'antica.
notizie storico-criticheLa collezione iconografica degli Uffizi vanta oggi quattrocentonovantadue ritratti di uomini illustri. Arricchita fino al 1840, fu iniziata da Cosimo I de' Medici nel 1552. In quell'anno, infatti, il duca invio' a Como il pittore Cristofano dell'Altissimo con lo specifico incarico di copiare i ritratti raccolti in circa trenta anni da Paolo Giovio (1483-1552). Sistemata nella villa sul lago, la raccolta gioviana era per la maggior parte costituita da ritratti copiati da affreschi, monumenti funerari o medaglie ma un certo spazio era dedicato anche ai ritratti di personaggi contemporanei. Corredata da brevi biografie ed esemplata sul tradizionale schema del "De viris illustribus" del Petrarca, la collezione comasca era ritenuta, nel XVI secolo, la piu' importante raccolta del genere: grande infatti era l'interesse storico e documentario ad essa legato. La realizzazione su tavola di ritratti a mezzo busto rappresentava un'innovazione rispetto alle tradizionali raccolte di ritratti di uomini famosi, solitamente ad affresco o comunque legati all'ambiente per il quale, in numero stabilito, erano stati dipinti. La scelta della tecnica dell'olio su tavola permetteva invece di aumentarne il numero all'infinito e di variarne la collocazione. Anche Cosimo I, interessato al valore iconografico della raccolta, adotto' questo sistema. Stabilitosi a Como, tra il luglio del 1552 e l'agosto del 1553 Cristofano dell'Altissimo invio' a Firenze ventiquattro ritratti. Nel luglio del 1554 spedi' ventisei tavole e nell'ottobre del 1556 altre venticinque. Nel 1568, nella edizione giuntina delle Vite, il Vasari cita, presenti in quell'anno a Firenze, piu' di duecento ritratti che furono sistemati in Palazzo Vecchio nella sala detta della Guardaroba o del Mappamondo, allestita dallo stesso Vasari su idea del duca per raccogliere lo scibile umano riguardante le "cose del cielo e della terra giustissime e senza errori". Come testimoniano i regolari pagamenti a Cristofano dell'Altissimo la raccolta fu accresciuta da Ferdinando I che, con le raccolte d'arte di casa Medici, colloco' anche la collezione gioviana nella Galleria degli Uffizi. I ritratti furono sistemati in questa nuova sede fra il 1587, anno iniziale del governo di Ferdinando, e il 1591. In questo periodo Cristofano invio' da Como a Firenze numerosi altri ritratti. Nel 1597 l'intera raccolta fu riordinata secondo le dignita' e professioni dallo scrittore vicentino Filippo Pigafetta che segnalo' le lacune in modo che la serie potesse essere aggiornata. L'interesse iconografico della raccolta ha favorito la diffusione di nuove copie come quelle ordinate da Ferdinando del Tirolo nel 1595. Il dipinto in questione, consegnato e pagato il 19 marzo 1588, raffigura l'umanista Coluccio Salutati (1331-1406) che fu letterato e uomo politico.
committenzaMedici Ferdinando I, granduca di Toscana (1587)
bibliografiaGaye G.( 1840)v. II pp. 389-392, 401-402, 412-414; Gualandi M.( 1844-1856)v. I, pp. 46, 371-374; Gotti A.( 1872)pp. 36-38; Vasari G.( 1878-1885)v. VII pp. 608-609; Literarische nachlass( 1923-1940)v. i, p. 493; Venturi A.( 1901-1940)v. IX/VI pp. 402-411;
definizionedipinto
regioneToscana
provinciaFirenze
comuneFirenze
indirizzopiazzale degli Uffizi
ente schedatoreL. 41/1986
ente competenteS417
autori della catalogazioneCompilatore scheda: Corti C.; Funzionario responsabile: Damiani G.; Aggiornamento-revisione: Romagnoli G./ Rousseau B. (2002), Referente scientifico: NR (recupero pregresso); ARTPAST (2006), Referente scientifico: NR (recupero pregresso);
anno creazione1989
anno modifica2002; 2006
latitudine43.768826
longitudine11.255744

oppure puoi cercare...

  • opere d'arte nel comune di Firenze
  • opere d'arte nella provincia di Firenze
  • opere d'arte nella regione Toscana