Invernomuto.net

Ho realizzato questo sito per rendere disponibile alla consultazione questa mole enorme di dati altrimenti difficilmente consultabili :)

Opera d'arte ritratto di Clelia Cupis Conti a Firenze

L'opera d'arte ritratto di Clelia Cupis Conti - codice 09 00297673 si trova nel comune di Firenze, capoluogo dell'omonima provincia sita in palazzo, statale, Palazzo Pitti, Palazzo Pitti, piazza Pitti, 1, Galleria Palatina e Appartamenti Reali, depositi (Soffittone)
immagineritratto di Clelia Cupis Conti  - codice 09 00297673
bene culturaledipinto
soggettoritratto di Clelia Cupis Conti
tipo schedaOA_3.00
codice univoco09 00297673
localizzazioneItalia, Toscana, FI, Firenzepiazza Pitti, 1
contenitorepalazzo, statale, Palazzo Pitti, Palazzo Pitti, piazza Pitti, 1, Galleria Palatina e Appartamenti Reali, depositi (Soffittone)
datazionesec. XVII inizio; 1600 - 1606 [documentazione]
ambito culturaleambito fiorentino(bibliografia)
materia tecnicatela/ pittura a olio
misurealt. 67.5, largh. 50,
condizione giuridicaproprietà Stato, Ministero per i Beni e le Attività Culturali
dati analiticiNR (recupero pregresso)Soggetti profani. Ritratti. Personaggi: Clelia Cupis Conti; busto frontale . Abbigliamento: contemporaneo : sopravveste ricamata; veste ricamata; gorgiera; acconciatura. Oggetti: collana di perle.
notizie storico-criticheI ritratti della serie detta delle "Bellezze di Artimino" sono pervenuti in doppia versione, 'al petto' e 'al gomito'. La serie, iniziata alla fine del secolo XVI, fu terminata entro il 1638. Il nucleo principale (44 ritratti) e' databile comunque entro il 1606. Infatti dai documenti pubblicati dal Chappel si ricava che una prima serie di 23 ritratti fu pagata nel 1601 e una seconda di 21 tra il 1603 3 eil 1606. In alcuni pagamenti della seconda serie (certamente copia della prima) compare il nome di Achille di Baldassarri Granre, pittore della bottega di Jacopo Ligozzi, attivo come ritrattista per i Medici. Dai documenti si deduce che sono probabilmente suoi i ritratti di Settimia Magalotti, Maria Pucci, Ludovica Antinori Falconetti, Maddalena Strozzi Bardi, Costanza Lioni Ricci, dei quali sono conservati solo gli ultimi due. Non potendo pero' stabilire con certezza quale sia la serie originale e quale la copia (anche se e' piu' probabile che l'originale sia la versione al gomito) non si puo' determinare quali ritratti abbia eseguito il Granre. Per quanto riguarda i dipinti documentati nel 1601 il Chappel fa il nome di Matteo Confortini, pittore noto per pagamenti di ritratti non meglio precisati, attivo negli anni fra il 1585 e il 1633. Ma in una lettera del 28 maggio 1600 al Granduca Ferdinando (ASF Mediceo 5962, c.523) Cristina di Lorena nomina come artista scelto per l'esecuzione della serie un certo "Zoppo pittore" che potrebbe essere Francesco Mati, citato dal Gabburri proprio come 'Zoppo' e che era allievo di Alessandro Allori. Nel 1676 36 tele sono registrate nell'inventario generale della Guardaroba e poco dopo 30 (le stesse?) entrarono in Galleria. In data imprecisata i ritratti giunsero al Poggio Imperiale dove furono inventariati nel 1836. Alcuni ritratti tornati agli Uffizi furono nuovamente inventariati nel 1890. Altre tele, entrate piu' tardi in Galleria, mantengono invece solo il numero di Poggio Imperiale, dove ancora sono conservati dieci dipinti della serie.
definizionedipinto
regioneToscana
provinciaFirenze
comuneFirenze
indirizzopiazza Pitti, 1
ente schedatoreL. 41/1986
ente competenteS417
autori della catalogazioneCompilatore scheda: Triarico M.; Funzionario responsabile: Damiani G.; Aggiornamento-revisione: ARTPAST/ Rousseau B. (2006), Referente scientifico: NR (recupero pregresso);
anno creazione1987
anno modifica2006
latitudine43.765656
longitudine11.249350

oppure puoi cercare...

  • opere d'arte nel comune di Firenze
  • opere d'arte nella provincia di Firenze
  • opere d'arte nella regione Toscana