Invernomuto.net

Ho realizzato questo sito per rendere disponibile alla consultazione questa mole enorme di dati altrimenti difficilmente consultabili :)

Opera d'arte Giacobbe di Spinelli Spinello detto Spinello Aretino (1346 ca./ 1410), a Firenze

L'opera d'arte Giacobbe di Spinelli Spinello detto Spinello Aretino (1346 ca./ 1410), - codice 09 00281561 - 2 di Spinelli Spinello detto Spinello Aretino (1346 ca./ 1410), si trova nel comune di Firenze, capoluogo dell'omonima provincia sita in chiesa, Chiesa di Orsanmichele o S. Michele in Orto, Via Orsanmichele, 7, lato sud, prima campata, volta
immagineGiacobbe di Spinelli Spinello detto Spinello Aretino (1346 ca./ 1410),  - codice 09 00281561 - 2
bene culturaledipinto murale, vela, lato nord
soggettoGiacobbe
tipo schedaOA_3.00
codice univoco09 00281561 - 2
localizzazioneITALIA, Toscana, FI, FirenzeVia Orsanmichele, 7
contenitorechiesa, Chiesa di Orsanmichele o S. Michele in Orto, Via Orsanmichele, 7, lato sud, prima campata, volta
datazionesecc. XIV/ XV fine/ inizio; 1399 (post) - 1402 (ca) [bibliografia]
autoreSpinelli Spinello detto Spinello Aretino (1346 ca./ 1410),
materia tecnicaintonaco/ pittura a fresco
misureUNR
condizione giuridicaproprietà Stato, Ministero per i Beni e le Attività Culturali
dati analiticin.p.Soggetti sacri: Personaggi: Giacobbe. Abbigliamento: veste. Allegorie-simboli: raggi divini. Decorazioni: cielo.
notizie storico-criticheLa decorazione delle volte di Orsanmichele risale alla fine del secolo XIV, inizio XV, quando con una ordinanza del “Consiglio Maggiore” della Repubblica in data 11 febbraio 1398, la Signoria autorizzò i Capitani di Orsanmichele a riservare dalle loro entrate annuali, la somma di 720 fiorini per tre anni, da spendere per affrescare le volte e le pareti della chiesa (Firenze, A. S. F., Arch. dei Consigli Maggiori, Provvisioni, Registri, n. 86, dal 29 Aprile 1397 al 22 Marzo 1397-98, fol. 330 recto; documento pubblicato in Horne H. P., 1909). Le prime campate ad essere affrescate furono le quattro verso via Calzaiuoli. Una poesia scritta in occasione della processione dei Bianchi del 1399 da Franco Sacchetti che era stato capitano della Compagnia nel 1398 e responsabile del programma iconografico delle pitture, ci informa che a questa data le prime quattro campate erano già state affrescate, cioè le due volte centrali e quelle del lato est, mentre dovevano ancora essere iniziate le due del lato ovest, per queste ultime il Sacchetti suggerisce la raffigurazione di personaggi del Vecchio Testamento (per la poesia cfr. Cohn W., 1958). Scomparse in seguito ad una imbiancatura eseguita nel 1770, sono riemerse solo dopo il restauro del 1864. Nella volta in questione sono rappresentati: Adamo, Noè, Abramo e Giacobbe. Queste figure sono iconograficamente in relazione con quelle della corrispondente volta della prima campata sul lato sinistro (vedi P32987). L’affresco è stato genericamente riferita dal Vasari, insieme con il resto della decorazione della Chiesa, ad Jacopo del Casentino, mentre il Chiappelli, notando una qualità inferiore rispetto alle volte del lato est, ha avanzato il nome di Niccolò di Pietro Gerini. La critica (Poggi, Gamba, Horne) l’ha generalmente attribuito ad un pittore vicino a Spinello Aretino, in stretta relazione anche con Giovanni dal Ponte e Lorenzo di Bicci. Giacobbe è in relazione con la figura di Rachele, sua sposa, rappresentata nella vela nord della corrispondente volta di sinistra (P32758).
altre attribuzioniJacopo del Casentino; Gerini Niccolò di Pietro
committenzaCapitani delle Arti (1398/ 1402)
definizionedipinto murale
regioneToscana
provinciaFirenze
comuneFirenze
indirizzoVia Orsanmichele, 7
ente schedatoreS156
ente competenteS156
autori della catalogazioneCompilatore scheda: Battista L.; Funzionario responsabile: Meloni S.; Trascrizione per informatizzazione: Lacasella A. (2011)
anno creazione1989
latitudine43.770874
longitudine11.255052

oppure puoi cercare...

  • opere d'arte nel comune di Firenze
  • opere d'arte nella provincia di Firenze
  • opere d'arte nella regione Toscana