CulturaSpicciola.com

 

se sei arrivato su questo sito potrebbe interessarti questo blog di cultura a 360 gradi: culturaspicciola.com

Opera d'arte Geremia, Isaia di Gaddi Taddeo (1300 ca./ 1366), a Firenze

L'opera d'arte Geremia, Isaia di Gaddi Taddeo (1300 ca./ 1366), - codice 09 00281076 - 4 di Gaddi Taddeo (1300 ca./ 1366), si trova nel comune di Firenze, capoluogo dell'omonima provincia sita in chiesa, basilica francescana conventuale, Chiesa di S. Croce, chiesa e convento di S. Croce, piazza S. Croce, transetto sud, parete di testa
immagine - immagine non disponibile -
bene culturaledipinto, sopra l'arcata a sinistra
soggettoGeremia, Isaia
tipo schedaOA_3.00
codice univoco09 00281076 - 4
localizzazioneItalia, Toscana, FI, Firenzepiazza S. Croce
contenitorechiesa, basilica francescana conventuale, Chiesa di S. Croce, chiesa e convento di S. Croce, piazza S. Croce, transetto sud, parete di testa
datazionesec. XIV ; 1328 (ca.) - 1328 (ca.) [bibliografia]
autoreGaddi Taddeo (1300 ca./ 1366),
materia tecnicaintonaco/ pittura a frescooro/ punzonatura
condizione giuridicaproprietà Stato, Ministero dell'Interno, Fondo Edifici di Culto (F.E.C.)
dati analiticiNR (recupero pregresso)Personaggi: Geremia profeta; Isaia profeta. Abbigliamento: all'antica. Attributi: (profeti) cartigli; diadema. Decorazioni: cornici a motivi cosmateschi; archetti pensili.
notizie storico-criticheLa decorazione della parete di testa del transetto meridionale della chiesa, tornata alla luce da sotto l'intonaco nel 1869, e' strettamente legata al progetto di decorazione della cappella Baroncelli di cui costituisce la parete esterna. Come e' stato evidenziato dagli studiosi (cfr. in particolare Gardner e Janson-La Palme) essa presenta una stretta unita' iconografica con l'interno della cappella, dedicata alla Vergine, e quindi decorata con un ciclo di storie mariane. I quattro profeti dipinti sopra l'arco tengono i cartigli con le profezie riguardanti la Madonna, preannuncianti gli eventi raffigurati all'interno e alludenti alla sua verginita'. Tutte le scene risultano inquadrate sotto una cornice decorata a finti archetti pensili resi in modo illusionistico. Stilisticamente il ciclo presenta una certa sfasatura con la decorazione interna della cappella e Longhi infatti lo collocava all'inizio della carriera di Taddeo. Gli affreschi non sono tuttavia precedenti all'apertura dell'arcone della cappella intorno al quale si inseriscono i profeti dei quali i due a destra risultano forzati nel poco spazio. Probabilmente essi furono realizzati prima della decorazione interna, contemporaneamente alla costruzione della cappella (iniziata nel febbraio del 1328) subito dopo il ritorno di Taddeo da Poppi, dove aveva decorato il castello del conte Guidi. Secondo Donati, infatti, sono di poco precedenti alle volte al primo ordine di affreschi della prima campata della cappella, datati ca. 1330.
committenzaBaroncelli famiglia (1328)
bibliografiaLadis A.( 1982)pp. 36-37, 88-90, n. 4
definizionedipinto
regioneToscana
provinciaFirenze
comuneFirenze
indirizzopiazza S. Croce
provvedimenti tutelanotificazione (L. n. 364/1909), 1917/01/11
ente schedatoreL. 41/1986
ente competenteS128
autori della catalogazioneCompilatore scheda: Rensi A.; Funzionario responsabile: Damiani G.; Aggiornamento-revisione: Orfanello T. (1999), Referente scientifico: NR (recupero pregresso); ARTPAST/ Rensi A. (2006), Referente scientifico: NR (recupero pregresso);
anno creazione1988
anno modifica1999; 2006
latitudine43.768963
longitudine11.260609

oppure puoi cercare...

  • opere d'arte nel comune di Firenze
  • opere d'arte nella provincia di Firenze
  • opere d'arte nella regione Toscana