Invernomuto.net

Ho realizzato questo sito per rendere disponibile alla consultazione questa mole enorme di dati altrimenti difficilmente consultabili :)

Opera d'arte episodi della vita di papa Clemente VII di Vasari Giorgio (1511/ 1574), Van der Straet Jan detto Giovanni Stradano (1523/ 1605), Ricciarelli Leonardo (notizie 1564-1570), Boscoli Giovanni detto Nanni da Montepulciano (1524/ 1589), Bernardo di Antonio di Monna Mattea (notizie seconda metà sec. XVI) a Firenze

L'opera d'arte episodi della vita di papa Clemente VII di Vasari Giorgio (1511/ 1574), Van der Straet Jan detto Giovanni Stradano (1523/ 1605), Ricciarelli Leonardo (notizie 1564-1570), Boscoli Giovanni detto Nanni da Montepulciano (1524/ 1589), Bernardo di Antonio di M di Vasari Giorgio (1511/ 1574), Van der Straet Jan detto Giovanni Stradano (1523/ 1605), Ricciarelli Leonardo (notizie 1564-1570), Boscoli Giovanni detto Nanni da Montepulciano (1524/ 1589), Bernardo di Antonio di Monna Mattea (notizie seconda metà sec. XVI) si trova nel comune di Firenze, capoluogo dell'omonima provincia sita in palazzo, comunale, Palazzo Vecchio o della Signoria, NR (recupero pregresso), Museo di Palazzo Vecchio, Quartiere di Leone X, sala di Clemente VII
immagineepisodi della vita di papa Clemente VII di Vasari Giorgio (1511/ 1574), Van der Straet Jan detto Giovanni Stradano (1523/ 1605), Ricciarelli Leonardo (notizie 1564-1570), Boscoli Giovanni detto Nanni da Montepulciano (1524/ 1589), Bernardo di Antonio di M
bene culturaledipinto, ciclo
soggettoepisodi della vita di papa Clemente VII
tipo schedaOA_3.00
codice univoco09 00281637 - 0
localizzazioneItalia, Toscana, FI, FirenzeNR (recupero pregresso)
contenitorepalazzo, comunale, Palazzo Vecchio o della Signoria, NR (recupero pregresso), Museo di Palazzo Vecchio, Quartiere di Leone X, sala di Clemente VII
datazionesec. XVI ; 1556 - 1562 [documentazione]
autoreVasari Giorgio (1511/ 1574), Van der Straet Jan detto Giovanni Stradano (1523/ 1605), Ricciarelli Leonardo (notizie 1564-1570), Boscoli Giovanni detto Nanni da Montepulciano (1524/ 1589), Bernardo di Antonio di Monna Mattea (notizie seconda metà sec. XVI)
materia tecnicaintonaco/ pittura a fresco/ pittura a oliostucco/ doratura/ pittura
misurem., largh. 665, lungh. 11,
condizione giuridicaproprietà Ente pubblico territoriale, Comune di Firenze
dati analiticiStanza dipinta e decorata.NR (recupero pregresso)
notizie storico-criticheLa sala, situata nel perimetro dell' antica Torre di Nembrot, rientra nel programma decorativo del quartiere di Leone X dedicato alla celebrazione e all' esaltazione degli Dei terrestri di Casa Medici. Artefice del programma iconografico anche per questa stanza fu il Vasari coadiuvato da Cosimo Bartoli che nella primavera-estate 1556 gli inviò il testo delle 'Invenzioni' per il soffitto con accluso lo schizzo delle partizioni e con le note sui dipinti "sono andato scegliendo tutto quello fece Clemente, degno di gloria e di memoria, lasciando stare da parte le storie del suo cardinalato, la creazione ed incoronazione; sendo stato l'intento mio solo di dipingere que' fatti, le storie che sono state cagione della grandezza di casa Medici...". Così il Vasari nei Ragionamenti spiega la scelta dei soggetti degli affreschi che ritraggono le virtù personali e gli episodi salienti della vita di Clemente VII,in particolare quelli relativi alla restaurazione del dominio mediceo a Firenze. Dedicata al secondo papa di casa Medici, Giulio, eletto al trono papale nel 1523 col nome di Clemente VII, la sala è riccamente decorata oltre che dagli affreschi che ricoprono la volta e gran parte delle pareti di mano dello Stradano, da stucchi dipinti e dorati disegnati probabilmente dall' Ammannati e realizzati dal Boscoli e dal Ricciarelli e dal pavimento in terracotta bianca e rossa eseguito da Santi di Michele Buglioni; completavano l' arredamento una serie di arazzi con episodi della vita del pontefice su disegno dello Stradano. Dai documenti risulta che i lavori iniziarono nel 1556 con l' intonacatura della volta di Bernardo di Monna Mattea e finirono il 19 marzo 1561 (1562 s. c.) come risulta da una lettera inviata dal Vasari al duca Cosimo.
committenzaDe' Medici Cosimo I granduca di Toscana (1555)
bibliografiaCecchi A.( 1977)fasc. 329, p. 17; Allegri E./ Cecchi A.( 1980)pp. 166-176; Muccini U./ Cecchi A.( 1991)pp. 163-183; Cecchi A.( 1995)pp. 70-73
definizionedipinto
regioneToscana
provinciaFirenze
comuneFirenze
indirizzoNR (recupero pregresso)
ente schedatoreL. 41/1986
ente competenteS128
autori della catalogazioneCompilatore scheda: Rousseau B.; Funzionario responsabile: Damiani G.; Trascrizione per informatizzazione: Reggioli C./ Orfanello T. (1998); Aggiornamento-revisione: Reggioli C. (1998), Referente scientifico: NR (recupero pregresso); Orfanello T. (1999),
anno creazione1988
anno modifica1998; 1999; 2006
latitudine43.779926
longitudine11.245030

oppure puoi cercare...

  • opere d'arte nel comune di Firenze
  • opere d'arte nella provincia di Firenze
  • opere d'arte nella regione Toscana