Invernomuto.net

Ho realizzato questo sito per rendere disponibile alla consultazione questa mole enorme di dati altrimenti difficilmente consultabili :)

Opera d'arte di Zalaffi Ezio (1851/ 1956), a Firenze

L'opera d'arte di Zalaffi Ezio (1851/ 1956), - codice 09 00745721 di Zalaffi Ezio (1851/ 1956), si trova nel comune di Firenze, capoluogo dell'omonima provincia
immaginedi Zalaffi Ezio (1851/ 1956),  - codice 09 00745721
bene culturalemonumento commemorativo, Monumento a George Washington
tipo schedaOA_3.00
codice univoco09 00745721
localizzazioneITALIA, Toscana, FI, Firenze
datazionesec. XX ; 1932 - 1932 [bibliografia; iscrizione]
ambito culturalebottega toscana, realizzazione(analisi stilistica)
autoreZalaffi Ezio (1851/ 1956),
materia tecnicamarmo bianco/ sculturapietra serena/ scultura
misurecm, largh. 516,
condizione giuridicaproprietà Ente pubblico territoriale
dati analiticiStruttura a esedra in pietra serena costituita da una nicchia centrale, sovrastante una lapide, inquadrata da pilastri e terminante con un arco dove sono state scolpite a rilievo tredici stelle; la nicchia contiene il busto di George Washington in marmo bianco su piedistallo a forma di colonna; ali laterali costitute da piedistalli coronati da globi, raccordate al corpo centrale da volute che presentano ghirlande di foglie di alloro adagiate lungo il bordo e appese con un cordone; sotto le volute sono scolpiti due stemmi.n.p.STEMMI, EMBLEMI, MARCHI: Classe di appartenenza: stemma, Qualificazione: statale, Identificazione: Stati Uniti d'America, Quantità: 2, Posizione: ai lati del basamento, Descrizione : palato col capo fasciato sorretto da un'aquila,
notizie storico-criticheCome si evince dall'iscrizione della lapide, il monumento fu commissionato dalla colonia americana residente a Firenze nel 1932 per celebrare il secondo centenario della nascita di George Washington. Il progetto è dell'architetto Ezio Zalaffi (1881-1956), figlio del noto fabbro senese Benedetto, e divenuto professore di disegno architettonico nel 1903 all'Accademia di Belle Arti di Firenze. Nominato architetto straordinario dell'Ufficio Belle Arti e Antichità del Comune di Firenze, ne assumerà la guida a partire dal 1938 (cfr. Cresti 1978, pp. 268-269; Edilizia in Toscana 1994, p. 240). La locuzione latina "E pluribus unum" (Tra molti, uno), che compare sul cartiglio sotto lo stemma, è il motto nazionale originario degli Stati Uniti d'America ("In God We Trast" è infatti successivo e risale al 1956). La frase, che si riferisce all'integrazione delle tredici Colonie indipendenti che fecero parte di quelli che diventeranno gli Stati Uniti d'America, fu scelta dal comitato che doveva decidere lo stemma statunitense, nel 1776, all'inizio della Rivoluzione Americana, su suggerimento di Pierre Eugene Du Simitiere. La frase deriva dal 'Moretum', un poema attribuito a Virgilio ma il cui vero autore è ignoto.
committenzaColonia americana fiorentina (1932)
bibliografiaEdilizia Toscana( 1994)p. 240; Cresti C.( 1978)pp. 268-269
definizionemonumento commemorativo
denominazioneMonumento a George Washington
regioneToscana
provinciaFirenze
comuneFirenze
ente schedatoreS156
ente competenteS156
autori della catalogazioneCompilatore scheda: Palmeri M.; Funzionario responsabile: Sframeli M.Bisceglia A.
anno creazione2012

oppure puoi cercare...

  • opere d'arte nel comune di Firenze
  • opere d'arte nella provincia di Firenze
  • opere d'arte nella regione Toscana